DSC00851.jpg

La natura si riprende

(i suoi spazi)

La natura nel suo stato puro non ha bisogno degli uomini per sopravvivere: è indipendente, forte, viva... e rispetta i cicli dell'universo da millenni.
Nessuno ha bisogno di dire a un albero come lui deve crescere: lui semplicemente cresce... naturalmente!
Nessuno deve dire ai fiori quando inizia la primavera, ma tutti riusciranno a capire quando i colori stupendi si aprono nell'orizzonte fiorito.

Nessuno deve insegnare agli uccelli come preparare il nido per i figli, o prendere cura delle uova, o portare cibo ai piccoli: l'istinto naturale li conduce alla perfetta fluidità del ciclo della vita.
Questo ciclo perfetto si riprende il suo spazio in posti che noi umani abbiamo abbandonato.

Noi umani, al contrario della natura rispettosa, siamo sempre pronti a prendere il cibo, le medicine, e tutto ciò che serve a rendere confortevole la nostra esistenza... in modo esagerato dalla stessa fonte: la infinita bontà della madre terra. 

 

Non sempre rispettiamo il processo naturale della vita. In qualche momento della nostra esistenza abbiamo perso la sensibilità di ascoltare quello che veramente importa della nostra condivisione con gli altri esseri di questo pianeta. 

Abbiamo scelto di non rispettare più i cicli naturali e abbiamo iniziato a creare nostri propri cicli pensando, quasi sempre, solo a noi stessi. 

Tuttavia, se abbiamo dimenticato il rispetto per la natura, lei sarà sempre disposta a farcelo ricordare.  

In questo progetto presentiamo alcuni spazi abbandonati da noi umani, dove la natura si riprende i suoi spazi e ci insegna a ricominciare. 

Un giorno capiremo tutti che siamo fatti della stessa natura che ci circonda e che questa forza è sempre presente in noi. 

DSC00864.jpg
DSC00893
Foto a cura di Malu Fontana e Enrico Omodeo Sale 

La natura, quella cosa che resta oltre il tempo, oltre la civilizzazione, oltre i confini del presente, viene calpestata, ostacolata, fraintesa. Ma, dopo un po', ritorna.

Si riprende quello che è suo.

 

Un film di: Enrico Omodeo Salè

Da un'idea di: Malu Fontana

Musiche originali: Andrea Fabiano

 

Atelier Produzioni 2021